La Zampogna di Scapoli | Melodie che risuonano in un artigianato di eccellenza

Discendente del mitico flauto di Pan, questo antico strumento musicale agreste rappresenta storicamente il fedele compagno dei pastori, che si intrattenevano con divertenti melodie quando conducevano le loro greggi al pascolo.

In tutto il mondo, è noto, il suono delle zampogne annuncia l’imminente arrivo del periodo natalizio, ma a Scapoli, un piccolo comune della provincia di Isernia, il loro suono ancestrale riecheggia tutto l’anno. All’inizio del ’900 Benedetto di Fiore, talentuoso zampognaro, fondò la “Bottega Artigiana”, fucina di grandi maestri del passato e anche moderni. Oggi, la passione di un piccolo gruppo di valenti artigiani, custodi di antichissime tecniche, continua a dare vita alle famose zampogne molisane, partendo da pregiatissime tipologie di legno e mantenendo ancora attiva la storica fabbrica locale. È un’arte che ha trasformato il piccolo comune molisano nella Capitale delle Zampogne.

Le tradizionali zampogne di Scapoli sono di due tipi, “a chiave” e “zoppa”, e i numerosi modelli prodotti nel corso del tempo sono oggi raccolti all’interno del Museo Internazionale della Zampogna, ospitato nel bellissimo palazzo Mancini, nella parte alta del comune.

Gli allestimenti interessano ben tre piani espositivi, dove si possono ammirare zampogne di rara bellezza provenienti da tutto il mondo e realizzate in epoche diverse, accanto a testimonianze letterarie e fotografiche. Per valorizzare questo straordinario strumento, ogni anno il comune realizza il famoso Festival Internazionale della Zampogna di Scapoli, un evento che si ripete da 43 anni e attira migliaia di visitatori curiosi di scoprire i suggestivi scorci di questo territorio e le straordinarie bellezze dell’artigianato locale.

Natura e ambiente, storia e tradizione, arte, cultura e gastronomia convivono qui da secoli in un’armonia profonda ed accattivante, in grado di offrire gli ingredienti ideali per un turismo culturale di qualità e per un’esperienza fuori dai circuiti ufficiali.

Scopri di più su museodellazampogna.it